Salve a tutti

Salve a tutti
a voi che non leggerete mai questo post e anche a voi che forse lo farete.
ancora qui sperando di non essere troppo piagnucoloso ma sperando almeno di riuscire a scrivere le cose che sento con la paura che sono talmente bravo a soffocare le cose che alla fine non riuscirò più nemmeno a capire cosa mi prenda.
Non è un periodo nero, non è nemmeno un periodo roseo. però non è un periodo in realtà.
Vorrei riuscire per una volta a lanciarmi, ad andare oltre tutte le mie paure… paura di non essere accettato, di non essere abbastanza, di non essere all’altezza di non potere, di non avere, di non essere. Alcuni parlano di necessità di sentire per se stessi, cioè una sorta di edonismo per cui l’importante è fare quello che ci si sente. Ma a me sta cosa mi ammazza, non posso aspettare ancora mestesso, non posso ancra aspettare di essere pronto. Non posso continuare a godere del mio spazio al riparo e altrettanto non posso buttarmi nella mischia per poi soffrire come un cane. Io con gli strateghi non ho nulla a che vedere, loro sanno muovere le proprie pedine a vantaggio loro, io finisco sempre per mettermele tra i piedi ed inciampare.
Non voglio con questo fare discorsi pesanti e neppure darmi nelle vene, voglio solo spiegare al mondo che sto cercando una soluzione e che ci metto, come al solito, un sacco di tempo. Quando decido poi sembra essere sempre troppo tardi. Treni passati, danze finite, amici che se ne vanno.
Concludo dicendo che spero, presto di azzeccare il tempo e spaccare il secondo in cui tutto potrà sembrare dei miei colori preferiti e tutti potranno finalmente vedermi come sono davvero e innamorarsi di me, magari. Forse. Chissà. Spero.

Annunci

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

La parte e il tutto

Come in molti sistemi esistenti in natura io sono fatto così: lascio che le cose,  gravitino vorticosamente intorno a me.

Ma se uno dei miei pianeti per qualche motivo esce fuori orbita… crack!!!… reazioni a catena con conseguenze disastrose. Lo so, non dovrebbe essere così, dovrei partire da basi più solide… a volte ci provo… a volte credo di provarci… altre ancora non ci provo affatto.

Una cosa è crudele però: perchè dare un calcio a Marte per destabilizzare la terra?.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Avete rotto i c______i

Guarda un pò te se devo diventare sessista in vecchiaia….

hanno ragione quelli che dicono che le donne in fondo non sono poi così sveglie…. oppure fanno le fesse per non pagare il dazio? Non so, fatto sta che mi mandano ai matti. Se uno…. un essere umano di sesso maschile in età adulta dice ad una donna che “prova per lei sensazioni non esattamente vicine alla fraterna amicizia”… tuttaltro insomma…. come può ei anche solo pensare di chiedere a quell’essere testosteronicamente ancora vigorosamente attivo, dopo avergli dato un clamoroso 2 di picche, di rispondere ai messaggini simpatici e continuare a fare il giullare? Non siamo complicati noi… se per noi siete tonde… finche non troviamo un’altra tonda (ammazza me sto a tajà) col c…o che ve se filamo!

C’avete dato buca e mo che volete? In fondo siamo vanesi almeno quanto voi e… dovreste comprendere quando il pudore richiede un certo ritegno.

E invece no… voi no…. con femminea convinzione continuate a chiedere risposte brillanti ai vostri ei uao ciaaaaao etc. ma baaaaaastaaaaaa. 

Vi prego (e mi scuso con quelle non incluse nella descrizione volontariamente) non siate le fulgide cretine che mi state dimostrando di essere, quando vi sentite sole compratevi un cane e fatevi abbaiare quando necessario, una scodinsolata, due leccate… e passa la paura.

Oppure un gatto, due fusa is meglio che one.

Basta che non mi rompete i c……i 🙂

Baci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

La polvere

D’accordo altra mini avventura finita, prima o poi pateticamente andava fatta sta cosa… scriverlo.

Ennesimo buco nell’acqua ladies and gentlemen!!!!!!!!! and the winner is…..(rullo di tamburi) …..me!

In un attimo temperature altissime hanno disidratato qualsiasi cosa esistente, compresi i miei sentimenti.

Rimane la polvere che sorprendentemente ho ramazzato velocemente ma con una tale velocità che non mi riconosco in questo.

In camera mia lascio agli acari vivere felici e scorrazzare tranquilli in lungo e in largo certi del fatto che tanto prima che io passi a sistemare tutto passa tanto tempo che hanno il tempo di crescere sposarsi e figliare.

Sarà per sentimento avverso alla proliferazione degli acari  o solamente perchè non mi sembra abbastanza rispettoso che qualcuno al posto mio viva le proprie dinamiche amorose nella mia stanza… che ho deciso di pulire tutto subito. Non ne voglio sapere nulla, voglio crogiolarmi nelle mie autococcole senza dar conto a nessuno.

Vuoto ecco tutto. Ah e la polvere.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Se stasera sono qui

Se stasera sono qui è perchè… aspetto.

Basta con queste inquietanti attese! Si inquietanti…. perchè ci sono attese fisiologiche, attese normali, attese burocraticamente accettabili e non, ma quelle che ti rendono inquieto no quelle che ti capitano e basta e alle quali non puoi porre alcun rimedio.

Probabilmente nessuno leggerà questo articolo perchè nessuno si è reso conto che a volte scrivo ancora su questo povero blog e al momento me ne importa poco. Solo che a volte non sai a chi esprimere ciò che senti ed è difficile definirlo. Quando ti prende un non so che allo stomaco e la testa ti gira e non fai attenzione alle parole di nessuno se non a quelle della canzone più triste tra quelle che la rotazione del tuo lettore propone.

Quando compulsivamente guardi il cellulare per capire se si è resa conto che la stai aspettando che aspetti un cenno qualsiasi sperando che sia un assenso espresso anche indecifrabile ma un c…. di assenso.

Tanti amici, un buon libro, si e sticazzi alla fine della fiera tutti noi si tende allo stesso obiettivo, lo stesso merdosissimo obiettivo, la meta agoniata…. qual’è? Non sono Dio, porca miseria lo sapessi o almeno se la sapessi descrivere probabilmente andrei per le strade con un alone luminoso tutto intorno ( e non come una pubblicità di qualche decennio fa nel caso in cui qualcuno volesse fare dello spirito!)

Non mi accontento di un c…. no sono una merda di fottutissimo viziato e permaloso e tutto il resto e non ne voglio sapere di sentire consigli sulla vita da nessunooooo!

Vi voglio bene, a tutti indistintamente.

 

Scopate, amate, riproducetevi… Peace

 

D.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

eh già…..magari

L’amore fa

L’amore fa l’acqua buona
fa passare la malinconia
crescere i capelli l’amore fa
l’amore accarezza i figli
l’amore parla con i vecchi
qualcuno vuole bene ai piu’ lontani
anche per telefono
l’amore fa guerra agli idioti
agli arroganti pericolosi
fa bellissima la stanchezza
avvicina la fortuna quando puo’
fa buona la cucina
l’amore e’ una puttana
che onora la bellezza
di un bacio per regalo

cose che fanno ridere
l’amore fa
cose che fanno piangere

l’amore fa begli gli uomini
sagge le donne
l’amore fa
cantare le allodole
dolce la pioggia d’autunno
e vi dico che fa viaggiare, si’
illumina le strade
fa grandi le occasioni
di credere e di imparare

cose che fanno ridere
l’amore fa
cose che fanno piangere

fa crescere i gerani e le rose
aprire i balconi
l’amore fa
confondere le citta’
ma riconoscere i padroni
l’amore lo fa
aprire bene gli occhi
amare piu’ se stessi
l’amore fa bene alla gente
comprendere il perdono
l’amore fa.
(Ivano Fossati-l’amore fa)

2 commenti

Archiviato in Uncategorized

Turning point

Eh già lo senti…il punto in cui cambia qualcosa. Avevo timore che arrivasse ma ormai lo conosco bene.
Come la tramontana, arriva e si porta via tutto, toglie i veli e lascia una visuale nuova.
Il momento è delicato e stavolta sul piatto ci sono un sacco di cose che non voglio perdere.
A luglio dovrei laurearmi e così anche un’altra fase sarà terminata e intanto il lavoro e… gli amici che spero rimangano tali…si insomma non vorrei le solite brutte sorprese. Vorrei ripartire da una base stavolta ed evitare di ricominciare.
E poi manca lei. L’amore.
Ti aspetto ancora e non so nemmeno che odore abbiano i tuoi capelli e nemmeno che musica ascolti ne tantomeno quale sia il tuo film preferito o cosa ti diverte, cosa ti commuove, cosa riesce a lasciarti senza fiato.
Non conosco il tuo nome, ma se avrai la pazienza di stringermi la mano e guardarmi negli occhi, ciò che è tuo da sempre lo potrai tenere stretto, il mio amore. Semplicemente.
E a chiunque non abbia voglia di sfogliare queste pagine, posso solo dire che mi dispiace, certe cose non si improvvisano, una persona la conosci oppure no.

1 Commento

Archiviato in Uncategorized